Il bonus investimenti pubblicitari

Studio Commercialista Giannini

Premessa

L’art. 57-bis del Decreto Legge n. 50/2017 ha previsto il riconoscimento di un credito d’imposta per investimenti pubblicitari.

Il credito d’imposta per investimenti pubblicitari è un incentivo fiscale introdotto nel nostro ordinamento allo scopo di favorire investimenti su stampa periodica e quotidiana.

A chi spetta

Il credito d’imposta per investimenti pubblicitari spetta:

  • alle imprese;
  • ai lavoratori autonomi;
  • agli enti non commerciali.

Il credito d’imposta spetta a tutti i soggetti che effettuano investimenti pubblicitari nel periodo d’imposta di riferimento, superiori almeno all’1% dell’importo degli investimenti effettuati su analoghi mezzi d’informazione nel periodo di imposta precedente.

Dove effettuare gli investimenti

Sono validi tutte le spese effettuate:

  • su stampa quotidiana e periodica, anche online;
  • sulle reti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

A titolo di esempio, rientrano nell’agevolazione fiscale:

  • giornali quotidiani e periodici, pubblicati in edizione cartacea o editi in formato digitale, iscritti presso il competente Tribunale ovvero presso il Registro degli operatori di comunicazione;
  • emittenti radiofoniche e televisive locali iscritte presso il Registro degli operatori di comunicazione.

L’importo della spesa da considerare ai fini dell’agevolazione è comprensiva di Iva, soltanto se indetraibile.

Per essere riconosciuta, deve essere rilasciata un’attestazione della spesa sostenuta:

  • dai soggetti di cui all’art. 35 comma 1 lett. a) e 3 del Decreto Legislativo n. 241/97, legittimati a rilasciare il visto di conformità;
  • dai soggetti che esercitano la revisione legale dei conti ai sensi dell’art. 2409-bis del Codice Civile.

Scadenza

Il termine entro il quale beneficiare dell’agevolazione:

  • per l’anno di imposta 2017, non era necessario presentare la comunicazione di accesso al credito. Invece, è obbligatorio presentare la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati tra il 22.09.2018 ed il 22.10.2018;
  • per il periodo d’imposta 2018, era obbligatorio presentare la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta nel periodo compreso tra il 22.09.2018 ed il 22.10.2018 e la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati tra il 1.01.2019 ed il 31.01.2019;
  • infine, a partire dall’anno di imposta 2019, la comunicazione per l’accesso al credito d’imposta deve essere presentata tra il 1° ed il 31 marzo dell’anno di riferimento e la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati tra il 1° gennaio ed il 31 gennaio dell’anno successivo.

Benefici

Il credito d’imposta spetta nel limite massimo della spesa ed è pari al:

  • 75% dell’investimento incrementale sostenuto;
  • 90% dell’investimento incrementale sostenuto per le PMI e Startup innovative.

Nonostante il riconoscimento della percentuale poc’anzi indicata, l’effettivo recupero dell’investimento incrementale dipende dalle risorse destinate a tale agevolazione dal Ministero dello Sviluppo Economico che, almeno per l’anno scorso, era di gran lunga inferiore al 75% massimo recuperabile.

Esempio

Ipotizziamo che un’impresa decida di investire nel 2018  su stampa quotidiana pari ad € 5.000,00 ed investimenti in emittenti televisivi per € 3.000,00.

Nel 2019 l’investimento in stampa quotidiana è pari ad € 10.000,00 e su emittenti televisivi pari ad € 6.000,00.

Ricapitolando:

  • investimenti nel 2018: € 8.000,00;
  • investimenti nel 2019: € 16.000,00.

L’investimento incrementale minimo è pari ad € 80 (8.000,00 * 1%). L’impresa, quindi, nel 2019 dovrà investire almeno € 8.080,00.

Nel 2019 l’investimento incrementale è pari ad € 8.000,00 (16.000,00 – 8.000,00) ed è così ripartito:

  • investimento incrementale su stampa € 5.000,00 (10.000,00 – 5.000,00);
  • investimento in cementare su emittenti radiotelevisive € 3.000,00 (6.000,00 – 3.000,00).

Alla luce dei suddetti investimenti incrementali, il credito d’imposta riconosciuto è il seguente:

  • credito d’imposta sull’investimento incrementale sulla stampa è pari ad € 3.750,00 (75% *5.000,00); 
  • credito d’imposta sull’investimento incrementale su emittenti televisive è pari ad € 2.250,00 (75% *3.000,00); 

In conclusione, il totale del bonus pubblicità riconosciuto è pari ad € 6.000,00 (75% * 8.000,00).

In presenza di investimenti su entrambi i media, come riportato nell’esempio, l’impresa può vedersi riconosciuti due diversi crediti d’imposta, in percentuali differenziate a seconda delle condizioni di ripartizione delle risorse disponibili.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su print
Print

 

 

 

Se hai bisogno di assistenza nell’invio della domanda di finanziamento, contattaci e saremo lieti di aiutarti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *